Cipressa

cipressa

La storia di Cipressa è legata a vicende anteriori l’anno mille; il paese fu distrutto e saccheggiato dai corsari di Frassineto, ma nuovamente edificato con l’aiuto dei frati Benedettini di Villaregia. Nel 1215, i Conti di Ventimiglia concessero agli abitanti di redigere uno Statuto, la cui stesura venne affidata ai Benedettini di Santo Stefano al Mare. La sua storia si identifica con quella di Taggia. La parrocchiale è del XVII secolo dove si conservano l’abside originaria ed il pavimento medievale.